2 Giu

3 elementi da valutare prima di acquistare una pompa di calore

In commercio esistono diversi modelli di pompe di calore. Al momento dell’acquisto, scegliere la più adatta per le proprie necessità può risultare complicato. Che cosa si può fare per evitare di commettere errori?

Per acquistare una pompa di calore che soddisfi le proprie esigenze bisogna essere informati e consapevoli su modelli, caratteristiche e fattori che incidono sui consumi annuali.

Sono tre le principali variabili da valutare:

  • le caratteristiche dell’edificio e il luogo d’installazione

  • il dimensionamento della pompa di calore

  • l’utilizzo della pompa di calore e le condizioni climatiche

Le caratteristiche dell’edificio e il luogo d’installazione

È una variabile essenziale nella scelta, che aiuta a capire quale sia la tipologia di impianto più adatta ad essere instalalta in casa. Quanto spazio si ha a disposizione? L’impianto va installato in un appartamento indipendente oppure in condominio?

La valutazione dell’abitazione e delle sue caratteristiche aiuta a fare una scelta mirata, senza errori. Per esempio, nel caso di una ristrutturazione edilizia, se si ha a disposizione un tetto, si può valutare di installare un collettore solare che aiuti a riscaldare l’acqua con l’apporto della luce solare. Non è sempre possibile e bisogna valutarlo con un tecnico installatore specializzato, ma è un’ipotesi da prendere in considerazione prima dell’acquisto. Ben diverso è il caso di un edificio con limitata possibilità di intervento: qui bisogna adattare le proprie esigenze alla disposizione dell’immobile e alla tipologia di installazione supportata.

Il dimensionamento della pompa di calore

Che dimensioni deve avere la pompa di calore in base a metri quadri e condizioni dell’immobile in cui verrà installata? È il secondo elemento da prendere in considerazione prima dell’acquisto, utile per rapportare l’impianto al fabbisogno termico e ai consumi reali dell’appartamento, nonché per risparmiare sulla bolletta. Per conoscere in via approssimativa il fabbisogno termico, si può fare un calcolo che determina la quantità di energia utile a riscaldare un ambiente. Questa la formula che si utilizza:

Fabbisogno di calore = potenza della pompa di calore in kW = superficie da riscaldare in metri x fabbisogno di calore specifico (kW/m² )

Facciamo un esempio pratico.
Per un edificio di 90 m² con un’altezza dal soffitto di 2.70 m, è possibile calcolare i m³ con questa formula:

90 mq x 2,70 m = 243 m³  

Per conoscere la dimensione consigliata della pompa di calore bisogna moltiplicare il volume della casa (243 m³) per il valore del fabbisogno di calore specifico, che in termini approssimativi è fissato a 0,05 kW/m². Questo coefficiente varia in base alla coibentazione dell’immobile. Più la casa è ben coibentata, minore sarà la potenza necessaria della pompa di calore e minori saranno i consumi durante l’anno.

L’utilizzo della pompa di calore e le condizioni climatiche

La terza variabile da considerare prima di acquistare una pompa di calore riguarda l’utilizzo quotidiano dell’apparecchio e le condizioni climatiche in cui si vive. Quale uso si vorrà fare dell’impianto? Serve solo la funzione riscaldamento o anche quella del raffreddamento? Si vuole riscaldare l’acqua sanitaria? In che zona si vive? L’ambiente è umido e c’è freddo per diversi mesi all’anno oppure il clima è più secco? Sono tutte domande fondamentali per evitare errori e per portare a casa la pompa di calore più adatta al proprio ambiente domestico.  

Analizzare le tre variabili insieme è un ottimo sistema per predisporre in casa la pompa di calore ideale.

Articoli correlati

immagine articolo

Risparmio energetico: 5 mosse vincenti

Il tema del risparmio energetico è sempre più strettamente connesso a quello del rispetto per l’ambiente: un uso consapevole delle risorse naturali e un cambiamento delle proprie abitudini di consumo sono un primo passo verso la riduzione degli sprechi e la promozione di uno sviluppo sostenibile. Adottando alcuni semplici accorgimenti, ognuno di noi può contribuire al risparmio energetico: scopriamo insieme come.

Pubblicato il21 Apr
immagine articolo

Perchè conviene scegliere una pompa di calore elettrica nel 2022

In questi ultimi anni, gli impianti a pompa di calore hanno sostituito sempre più i vecchi sistemi di riscaldamento e raffrescamento, grazie anche ai numerosi incentivi fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici. Infatti, la pompa di calore può essere utilizzata in qualsiasi applicazione e tipologia abitativa; anche nei condomini, in cui può fungere da fonte di riscaldamento centralizzato con distribuzione del calore nei vari appartamenti.

Pubblicato il13 Apr
immagine articolo

SEIYA: Sperimenta il suono del silenzio

SEIYA è la nuova unità residenziale a parete di Toshiba, dal design moderno, progettata per offrire elevate prestazioni e massimo comfort quotidiano. È disponibile in 7 taglie da 1,5 a 6,5 kW (in raffrescamento) e da 2,0 a 7,0 kW (in riscaldamento) ed è un sistema di climatizzazione ad alta efficienza: scopriamo insieme le sue caratteristiche.

Pubblicato il16 Mar

Iscriviti al primo corso online dedicato ai professionisti della climatizzazione.
Ti avviseremo appena il corso sarà pubblicato.