14 Lug

Aria Condizionata: 5 consigli utili per risparmiare sulla bolletta

Ci siamo.
L’alzamento delle temperature accompagna a braccetto l’estate e l’acquisto di un climatizzatore diviene un’esigenza reale, nonché uno dei pochi rimedi da adottare per trascorrere serenamente la giornata.

Il climatizzatore, però, è un acquisto importante da ben ponderare per poter spendere il proprio denaro nel modo migliore e poterlo poi utilizzare traendone tutti i vantaggi e benefici che può offrire.
Ci sono svariate tipologie di unità interne che possono essere selezionate, ciascuna con le proprie caratteristiche di ingombri e gestione dei flussi d’aria; è importante conoscerle per effettuare la scelta più appropriata in funzione, non solo del proprio budget di spesa ma anche del livello di comfort atteso e delle possibilità di avere, poi, una bolletta energetica a impatto limitato.
Di seguito 5 utili consigli, facili da tenere in considerazione, che vi indirizzeranno verso un corretto acquisto, nel caso vorreste munirvi per la prima volta di un climatizzatore.

Scegliere attentamente la classe energetica

La classe energetica è una suddivisione della scala di consumi degli elettrodomestici stilata dall'Unione Europea. Per consumi ridotti orientati sempre verso una classe A o superiore.

Scegliere un climatizzatore inverter

La tecnologia intelligente; sapete cosa vuol dire avere un climatizzatore che pensa? Si chiama inverter e adegua la potenza effettiva in base alla temperatura e riduce i cicli di accensione e spegnimento.

Pensa ad una corretta disposizione delle unità interne

Non credete a tutto ciò che dicono sulla posizione dei climatizzatori: utilizzare una sola unità per raffreddare o riscaldare più ambienti non influirà efficacemente sull’abbassamento della temperatura. Posizionate il condizionatore , libero da barriere e impedimenti: più efficacia e meno costi.

Deumidifica

Non è necessario abbassare drasticamente le temperature tra interno ed esterno. Provate semplicemente ad attivare la funzione “deumidifica”, spesso l’umidità è la causa di un eccessivo calore percepito.

Effettua sempre la dovuta manutenzione

Pulisci ventole e filtri almeno alla prima accensione stagionale per eliminare le muffe e i batteri dannosi per la salute. Come per ogni cosa: la giusta cura comporta un corretto funzionamento. Ultimo e banale consiglio: chiudete porte e finestre.

Articoli correlati

immagine articolo

Benessere abitativo: come migliorare il comfort della tua casa

Per benessere abitativo si intende la percezione di benessere psicofisico che proviamo quando ci troviamo all’interno della nostra casa. Stare bene in casa è fondamentale per vivere meglio, soprattutto con l’avvento dello smart working: vivere in un’abitazione che offre i massimi livelli di comfort rende migliori le nostre giornate e ci permette di essere più produttivi. Vediamo quali sono i fattori che incidono sul benessere abitativo e com’è possibile ottenerlo anche nella tua casa.

Pubblicato il6 Feb
immagine articolo

Come la pompa di calore può integrare il vecchio impianto di riscaldamento

Nella maggior parte delle situazioni, l’applicazione di pompe di calore elettriche ad alte prestazioni in sostituzione di sistemi di riscaldamento funzionanti a metano, gasolio o gpl è possibile e conveniente. Lo dimostrano numerosi casi di successo, in cui edifici degli anni ‘80 e ‘90 sono stati trasformati in strutture ad alta efficienza energetica mantenendo l’impianto tradizionale di distibuzione del calore.

Pubblicato il4 Nov
immagine articolo

Il climatizzatore può essere un complemento d'arredo?

Come forse sai già, sono tanti i fattori da considerare nella scelta di un climatizzatore: la classe energetica, la potenza di riscaldamento e raffrescamento, la tecnologia e - non ultimo - il suo impatto sull’estetica degli ambienti.

Pubblicato il19 Ott

Iscriviti al primo corso online dedicato ai professionisti della climatizzazione.
Ti avviseremo appena il corso sarà pubblicato.