24 Lug

L’acqua di condensa e il corretto funzionamento del condizionatore

La pompa di calore è un sistema di riscaldamento e raffrescamento dai molteplici vantaggi: si installa facilmente, è pratica nel suo uso quotidiano e utilizzabile in ogni stagione; rispetta le politiche di sostenibilità ambientale e fa risparmiare sulla bolletta. Allo stesso tempo, però, ogni macchinario deve essere sempre controllato e ricevere la giusta manutenzione da tecnici installatori specializzati. Bisogna pensare alla manutenzione e avere cura del macchinario acquistato per consentire alla pompa di calore di offrire il massimo livello di comfort possibile.

Lo smaltimento dell’acqua di condensa del climatizzatore

Uno degli imprevisti delle pompe di calore aria/aria è il non corretto smaltimento dell’acqua di condensa

Perché si crea la condensa? L’unità interna del climatizzatore, per mezzo di un ventilatore, aspira l’aria calda ambiente, la raffredda e la deumidifica e la rimette in ambiente. Per questo motivo si produce condensa: l’apparecchio la raccoglie in una bacinella e tramite una canalina la convoglia fuori dall’unità.

E adesso cosa succede?

La canalina per gravità permette all’acqua di uscire alla fine del tubo:

  • Direttamente negli scarichi idraulici dell’abitazione
  • In una tanica posta di solito sul balcone di fianco all’unità esterna

Talvolta, però, si possono verificare dei problemi. Vediamo in dettaglio quali sono, le possibili cause e le azioni da intraprendere per rimediare.

L’unità gocciola oppure compaiono macchie di umido sul muro 

La perdita è dovuta a dei problemi di scarico nella tubazione dell’apparecchio, ovvero l’acqua non viene smaltita correttamente: 

  • Il foro di uscita dalla bacinella è ostruito e l’acqua resta nel macchinario e, con il continuo funzionamento, tracima
  • Il climatizzatore non è utilizzato da molto tempo e non è stata fatta la giusta manutenzione 
  • La tubazione ha una perdita o c’è un ristagno di acqua 
  • C’è un tappo dovuto a depositi di sporcizia
  • Il tubo è ostruito perché insetti o piccoli animali hanno fatto delle tane

In tutti questi casi bisogna considerare anche il più piccolo indizio come un campanello d’allarme: il sistema di smaltimento di condensa non funziona più correttamente.

Vi sono pozze di acqua sul balcone

  • Avete una tanica di smaltimento condensa sul balcone e nonostante le raccomandazioni che vi ha dato il vostro installatore vi siete dimenticati di svuotarla
  • La pozza si trova sotto l’unità esterna; in questo caso, molto probabilmente, la condensa si è prodotta nell’unità esterna perché avete utilizzato il vostro sistema in modalità riscaldamento: 
    • Il foro di uscita dalla bacinella è ostruito, l’acqua resta nell’unità esterna e con il continuo funzionamento poi tracima
    • il climatizzatore non è utilizzato da molto tempo e non è stata fatta la giusta manutenzione 
    • la tubazione ha una perdita o c’è un ristagno di acqua 


Che cosa fare allora?

Se il problema è la tanica, bisogna svuotarla e fare in modo di ricordarsi di svuotarla in futuro. In tutti gli altri casi, bisogna contattare il proprio installatore di fiducia che risolverà il problema.

Per evitare questi inconvenienti, è bene ricordarsi di effettuare periodicamente la manutenzione del proprio sistema per avere un impianto performante e sempre utilizzabile. 

Articoli correlati

immagine articolo

IL PROFESSIONISTA DEL MESE: INTERVISTA A MICHELE MAGGIONI DI DUE EMME DI MAGGIONI

Toshiba Clima è come una grande famiglia: ognuno con le proprie competenze e passioni partecipa a far crescere il nostro team e a raggiungere i risultati che ci rendono orgogliosi ogni giorno, grazie al dialogo e alla fiducia. Vi presentiamo queste persone per farvi conoscere la loro visione del mondo della climatizzazione e il rapporto speciale che hanno con la nostra azienda. Esperti e professionisti che lavorano al nostro fianco condividendo i nostri valori e la nostra missione: creare un clima migliore per un mondo migliore. Questo mese vi presentiamo il nostro Toshiba Partner Michele Maggioni, titolare dell’azienda DUE EMME di Maggioni & C. Srl di Anzano del Parco (CO). Buona lettura!

Pubblicato il22 Nov
immagine articolo

L’innovazione firmata Toshiba offre prodotti di alta qualità

Da sempre Toshiba investe in tecnologia e innovazione, con un’attenzione particolare per il rispetto dell’ambiente. L’azienda viene fondata a Ginza nel 1875 da Hisashige Tanaka, figura di spicco nel campo della meccanica e uno dei più grandi inventori giapponesi, e da Ichisuke Fujioka, genio dell’elettronica. Per noi di Toshiba, il 1875 è la pietra miliare da cui inizia la nostra storia, che ha portato il marchio a diventare un’azienda leader in diversi campi oltre a quello della climatizzazione, specializzata nell’offrire prodotti innovativi ad alta efficienza e affidabilità. Oggi, i principali impianti di produzione dei sistemi di climatizzazione hanno sede in Giappone e in Thailandia. Toshiba Fuji Works ha sede a Fuji, Giappone, ed è il centro in cui vengono sviluppate le tecnologie di climatizzazione più innovative e all’avanguardia. In Thailandia c’è la sede di produzione di una vasta gamma di prodotti dalle linee Residenziali fino alle Linee Commerciali, con una distribuzione in più di 50 paesi in tutto il mondo, compresa l’Italia.

Pubblicato il4 Nov
immagine articolo

Il gas refrigerante R32: una grande evoluzione per l'ambiente

È facile associare il marchio Toshiba a R32, gas refrigerante che rispetto al vecchio fluido R410A ha una maggiore efficienza energetica e un minor impatto sull’ambiente. Toshiba si impegna nella ricerca e nello sviluppo di tecnologie che siano a basso impatto ambientale e che rispettino le normative emanate a livello internazionale ed europeo per rispettare i limiti imposti. La normativa è ampia e articolata, e nel corso degli anni è stata soggetta a modifiche e aggiornamenti. L’impegno per la salvaguardia dell'ozono stratosferico nasce nel 1989 con il Protocollo di Montreal, mentre con il protocollo di Kyoto, nel 1997, si comincia a parlare di "gas effetto serra" e delle azioni da mettere in atto per ridurne le emissioni, e viene introdotto l’indice GWP. Il Protocollo di Montreal è stato rivisto nel 2016 a Kigali (Ruanda) con l’approvazione dell’emendamento che sancisce la riduzione progressiva della produzione e dell’utilizzo degli idrofluorocarburi. L’Unione Europea ha sempre recepito le iniziative di questi due protocolli, introducendo le normative sugli F-gas, in particolare con il Regolamento 517/2014 (limitazione dell’uso degli F-gas sul territorio in termini di emissioni di CO2 equivalente).

Pubblicato il24 Ott

Iscriviti al primo corso online dedicato ai professionisti della climatizzazione.
Ti avviseremo appena il corso sarà pubblicato.