27 Ott

Cos'è l'Ape convenzionale e come ottenerlo

Per poter accedere ai Bonus Fiscali 2021 - tra cui il Superecobonus 110% - un requisito fondamentale è la prestazione energetica dell’edificio, che deve migliorare di almeno due classi. Ma com’è possibile dimostrare tale miglioramento? Attraverso il cosiddetto APE convenzionale.

APE convenzionale: che cos’è e in cosa consiste

L’APE (Attestato di Prestazione Energetica) di tipo convenzionale, è un documento nato appositamente per il Superecobonus e calcola la reale efficienza energetica di un edificio. 

Può essere realizzato sia per edifici unifamiliari che per edifici plurifamiliari, come i condomini. In quest’ultimo caso, per ottenerlo si sommano gli indici delle singole unità immobiliari e si divide il risultato per la superficie utile complessiva dell'edificio stesso.

Nello specifico, L'APE convenzionale è composto da due documenti: uno pre-intervento ed uno e post-intervento. Questi servono a verificare il miglioramento minimo di due classi energetiche, necessario per accedere agli incentivi.

Come ottenere l’APE convenzionale

Per ottenere l’APE, occorre contattare un certificatore energetico, figura professionale che ha competenze specifiche in materia di efficienza energetica applicata agli edifici, ed è qualificato ai sensi del D.P.R. n. 75/2013.

Anche ingegneri, geometri e architetti possono redigere l’APE, ma solo se iscritti all’albo professionale dei certificatori energetici, con responsabilità civili e penali importanti.

Come viene realizzato l’APE?

Il certificatore come prima cosa esegue un attento sopralluogo dell’edificio (obbligatorio)

Dopo di che, con l'ausilio di specifici software, effettua un'analisi energetica dell'immobile, prendendo in considerazione svariati parametri, tra i quali la tipologia degli impianti presenti per il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria.

In seguito all’elaborazione dei calcoli, il certificatore potrà rilasciare l'APE, documento in cui sintetizza le caratteristiche energetiche dell'immobile, e ne presenterà una copia alla Regione di competenza.

L’APE va inoltrato all’ENEA?

Il direttore dei lavori di ristrutturazione, utilizzerà l’APE convenzionale dell’edificio per produrre una certificazione che attesterà l’avanzamento dell’edificio di due classi energetiche, come previsto dai requisiti dei Bonus Fiscali. Tale certificazione sarà presentata all’ENEA.

Per saperne di più sugli incentivi fiscali 2021, scarica la nostra guida.

Articoli correlati

immagine articolo

Bonus Fiscali: cosa puoi fare entro il 2021

Gli incentivi fiscali rappresentano una grande opportunità per chi vuole eseguire lavori di ristrutturazione della propria abitazione. Vorresti usufruire anche tu di questa opportunità ma temi di non essere in linea con le tempistiche del 2021? In attesa delle nuove disposizioni governative, vediamo insieme cosa fare per potervi accedere anche a ridosso dei termini.

Pubblicato il2 Dic
immagine articolo

Nasce il Tool R32 di Toshiba: lo strumento che agevola il lavoro degli installatori

Per supportare e velocizzare il lavoro degli installatori, Toshiba ha realizzato il Tool R32, lo strumento di lavoro che permette - in pochi minuti e con alcuni semplici passaggi - di verificare il rispetto dei limiti di legge relativi all’infiammabilità e alla tossicità degli ambienti.

Pubblicato il11 Ott
immagine articolo

Impianto residenziale e commerciale: quali sono le differenze?

Quando si parla di impianti di climatizzazione si pensa sempre agli ambienti domestici ed alle tantissime varietà tra cui poter scegliere. Vi siete mai chiesti, invece, come viene regolata la temperatura nel settore business, come nel caso di locali commerciali, uffici e strutture ricettive? Scopriamo insieme quali sono le caratteristiche di questi due tipologie di impianto ed in cosa si differenziano.

Pubblicato il30 Set

Iscriviti al primo corso online dedicato ai professionisti della climatizzazione.
Ti avviseremo appena il corso sarà pubblicato.