13 Apr

Perchè conviene scegliere una pompa di calore elettrica nel 2022

In questi ultimi anni, gli impianti a pompa di calore hanno sostituito sempre più i vecchi sistemi di riscaldamento e raffrescamento, grazie anche ai numerosi incentivi fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici. Infatti, la pompa di calore può essere utilizzata in qualsiasi applicazione e tipologia abitativa; anche nei condomini, in cui può fungere da fonte di riscaldamento centralizzato con distribuzione del calore nei vari appartamenti.

Ma quali sono le caratteristiche che rendono così conveniente la scelta di una pompa di calore elettrica?

Comfort tutto l’anno 

 Il primo aspetto importante di una pompa di calore è la reversibilità, ossia la possibilità di produrre riscaldamento in inverno e raffrescamento in estate

C’è di più: con un impianto a pompa di calore si può anche produrre acqua calda sanitaria. Avere comfort tutto l'anno in maniera personalizzata rende questo sistema vincente da tutti i punti di vista e offre al consumatore la libertà di gestirne l’utilizzo in totale serenità.

Risparmio energetico e tutela dell’ambiente

Un altro elemento importante riguarda i costi di gestione: avere una pompa di calore per la propria casa consente di abbattere le spese rispetto alle altre forme di riscaldamento. Questo perché le pompe di calore - come già detto - utilizzano principalmente energia rinnovabile e producono più energia di quanta ne consumino: il risultato è un’elevata efficienza energetica e una bolletta più leggera. Inoltre, la pompa di calore ha effetti positivi anche sull’ambiente:

  • aiuta a ridurre i consumi di energia primaria
  • non usando combustibili fossili, non vi è emissione di particelle NOx contribuendo al miglioramento della qualità dell'aria a livello locale
  • essendo altamente efficiente contribuisce alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica CO2
  • riduce le emissioni di particolato atmosferico

Le pompe di calore elettriche di ultima generazione, come ESTÍA R32 di Toshiba, hanno un basso impatto potenziale sul riscaldamento globale, poiché si avvalgono di refrigerante R32, un gas dotato di basso potenziale di riscaldamento (GWP).

Accesso agli incentivi fiscali

Chi sceglie di sostituire il proprio vecchio impianto di riscaldamento con uno a pompa di calore, anche per tutto il 2022 può accedere agli incentivi fiscali dedicati. Nello specifico:

  • Ecobonus 2022, che offre una detrazione del 65% per la sostituzione del vecchio generatore poco efficiente
  • Superbonus 110, con una detrazione del 110% per i lavori di ristrutturazione che migliorino l’efficienza energetica dell’edificio di almeno due classi
  • Conto Termico 2.0: contributo fino al 65% per la sostituzione del vecchio generatore di calore

Scopri la gamma completa di pompe di calore ESTÍA. 

 

 

 

Articoli correlati

immagine articolo

Risparmio energetico: 5 mosse vincenti

Il tema del risparmio energetico è sempre più strettamente connesso a quello del rispetto per l’ambiente: un uso consapevole delle risorse naturali e un cambiamento delle proprie abitudini di consumo sono un primo passo verso la riduzione degli sprechi e la promozione di uno sviluppo sostenibile. Adottando alcuni semplici accorgimenti, ognuno di noi può contribuire al risparmio energetico: scopriamo insieme come.

Pubblicato il21 Apr
immagine articolo

SEIYA: Sperimenta il suono del silenzio

SEIYA è la nuova unità residenziale a parete di Toshiba, dal design moderno, progettata per offrire elevate prestazioni e massimo comfort quotidiano. È disponibile in 7 taglie da 1,5 a 6,5 kW (in raffrescamento) e da 2,0 a 7,0 kW (in riscaldamento) ed è un sistema di climatizzazione ad alta efficienza: scopriamo insieme le sue caratteristiche.

Pubblicato il16 Mar
immagine articolo

Incentivi fiscali 2022: proroga del Superbonus 110%

Da pochi giorni è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge di Bilancio 2022, che ha prorogato buona parte degli incentivi fiscali vigenti, confermando la spinta italiana al miglioramento dell'efficienza energetica degli immobili, in linea con le normative europee legate al piano di transizione energetica. Quindi, i cittadini italiani avranno ancora accesso a detrazioni e sconti sulle spese sostenute per il rifacimento di diverse parti degli immobili legate all’efficentamento energetico e alle ristrutturazioni: primo tra tutti, ha ricevuto conferma il Superbonus 110%, il più richiesto. Vediamo nello specifico quali sono stati gli incentivi fiscali prorogati e le varie scadenze.

Pubblicato il16 Feb

Iscriviti al primo corso online dedicato ai professionisti della climatizzazione.
Ti avviseremo appena il corso sarà pubblicato.