24 Mag

Riduzione progressiva sull’uso dei gas HFC

Lo scorso ottobre, 150 paesi del mondo hanno siglato un accordo mirato a ridurre l’utilizzo degli idrofluorocarburi. Un’intesa dalla portata storica, che avrà un forte impatto sull’industria del condizionamento d’aria.

I potenziali effetti degli idrofluorocarburi

Dopo una settimana di riunioni e colloqui in Rwanda, i leader di 150 nazioni hanno scelto di impegnarsi nella lotta contro il riscaldamento globale, firmando un accordo mirato a ridurre l’utilizzo degli idrofluorocarburi (anche detti gas HFC).

Si tratta di gas comunemente impiegati in sistemi di refrigerazione, spray e condizionatori d’aria. Non sono inquinanti, ma se maneggiati impropriamente e dispersi nell’atmosfera vanno a contribuire al riscaldamento globale.  

Aggiornamento al protocollo di Montreal

L’intesa, voluta fortemente dall’Onu, sancisce la progressiva riduzione dell’utilizzo dei gas HFC. Per primi i paesi più industrializzati, tra cui l’Italia, che hanno promesso di cominciare a ridurre l’uso degli HFC a partire dal 2019. Seguiranno la Cina e circa 100 paesi in via di sviluppo i quali cominceranno a ridurne l’uso a partire dal 2024. Ulteriore rinvio concesso a India e Pakistan, paesi che avranno tempo fino al 2028 per cominciare a ridurre le emissioni. L’impatto sarà più limitato sui paesi dell’Unione Europea che hanno già adottato una politica di riduzione dei gas HFC sin dal 2011.

L’accordo è un’evoluzione del Protocollo di Montreal, creato nel 1987.

 

John Kerry, segretario di stato americano, ha definito l’accordo “monumentale”, dichiarando:

 

Ci darà l’opportunità di ridurre l’innalzamento della temperatura del pianeta di mezzo grado centigrado”.

 

Soddisfatto anche Erik Solheim, direttore esecutivo dell’Unep (Nazioni Unite per l’Ambiente), che ha così commentato:

 

L’anno scorso a Parigi si era promesso di mantenere il mondo sicuro dagli effetti peggiori del cambiamento climatico. Oggi portiamo a compimento questa promessa. È il più grande contributo che possiamo dare al mondo”.

 

Nuove norme per i gas refrigeranti

L’accordo avrà ripercussioni anche sul mercato dei condizionatori d’aria. Molti produttori stanno già iniziando ad aggiornare le loro miscele, sostituendo quelle soggette a progressiva riduzione con altri gas a più basso impatto potenziale sul riscaldamento globale (ne è un esempio il gas R32, che in molti modelli sta sostituendo il R410A).

Articoli correlati

immagine articolo

Bonus Fiscali: cosa puoi fare entro il 2021

Gli incentivi fiscali rappresentano una grande opportunità per chi vuole eseguire lavori di ristrutturazione della propria abitazione. Vorresti usufruire anche tu di questa opportunità ma temi di non essere in linea con le tempistiche del 2021? In attesa delle nuove disposizioni governative, vediamo insieme cosa fare per potervi accedere anche a ridosso dei termini.

Pubblicato il2 Dic
immagine articolo

Cos'è l'Ape convenzionale e come ottenerlo

Per poter accedere ai Bonus Fiscali 2021 - tra cui il Superecobonus 110% - un requisito fondamentale è la prestazione energetica dell’edificio, che deve migliorare di almeno due classi. Ma com’è possibile dimostrare tale miglioramento? Attraverso il cosiddetto APE convenzionale.

Pubblicato il27 Ott
immagine articolo

Nasce il Tool R32 di Toshiba: lo strumento che agevola il lavoro degli installatori

Per supportare e velocizzare il lavoro degli installatori, Toshiba ha realizzato il Tool R32, lo strumento di lavoro che permette - in pochi minuti e con alcuni semplici passaggi - di verificare il rispetto dei limiti di legge relativi all’infiammabilità e alla tossicità degli ambienti.

Pubblicato il11 Ott

Iscriviti al primo corso online dedicato ai professionisti della climatizzazione.
Ti avviseremo appena il corso sarà pubblicato.