24 Mag

Riduzione progressiva sull’uso dei gas HFC

Lo scorso ottobre, 150 paesi del mondo hanno siglato un accordo mirato a ridurre l’utilizzo degli idrofluorocarburi. Un’intesa dalla portata storica, che avrà un forte impatto sull’industria del condizionamento d’aria.

I potenziali effetti degli idrofluorocarburi

Dopo una settimana di riunioni e colloqui in Rwanda, i leader di 150 nazioni hanno scelto di impegnarsi nella lotta contro il riscaldamento globale, firmando un accordo mirato a ridurre l’utilizzo degli idrofluorocarburi (anche detti gas HFC).

Si tratta di gas comunemente impiegati in sistemi di refrigerazione, spray e condizionatori d’aria. Non sono inquinanti, ma se maneggiati impropriamente e dispersi nell’atmosfera vanno a contribuire al riscaldamento globale.  

Aggiornamento al protocollo di Montreal

L’intesa, voluta fortemente dall’Onu, sancisce la progressiva riduzione dell’utilizzo dei gas HFC. Per primi i paesi più industrializzati, tra cui l’Italia, che hanno promesso di cominciare a ridurre l’uso degli HFC a partire dal 2019. Seguiranno la Cina e circa 100 paesi in via di sviluppo i quali cominceranno a ridurne l’uso a partire dal 2024. Ulteriore rinvio concesso a India e Pakistan, paesi che avranno tempo fino al 2028 per cominciare a ridurre le emissioni. L’impatto sarà più limitato sui paesi dell’Unione Europea che hanno già adottato una politica di riduzione dei gas HFC sin dal 2011.

L’accordo è un’evoluzione del Protocollo di Montreal, creato nel 1987.

 

John Kerry, segretario di stato americano, ha definito l’accordo “monumentale”, dichiarando:

 

Ci darà l’opportunità di ridurre l’innalzamento della temperatura del pianeta di mezzo grado centigrado”.

 

Soddisfatto anche Erik Solheim, direttore esecutivo dell’Unep (Nazioni Unite per l’Ambiente), che ha così commentato:

 

L’anno scorso a Parigi si era promesso di mantenere il mondo sicuro dagli effetti peggiori del cambiamento climatico. Oggi portiamo a compimento questa promessa. È il più grande contributo che possiamo dare al mondo”.

 

Nuove norme per i gas refrigeranti

L’accordo avrà ripercussioni anche sul mercato dei condizionatori d’aria. Molti produttori stanno già iniziando ad aggiornare le loro miscele, sostituendo quelle soggette a progressiva riduzione con altri gas a più basso impatto potenziale sul riscaldamento globale (ne è un esempio il gas R32, che in molti modelli sta sostituendo il R410A).

Articoli correlati

immagine articolo

Risparmio energetico: 5 mosse vincenti

Il tema del risparmio energetico è sempre più strettamente connesso a quello del rispetto per l’ambiente: un uso consapevole delle risorse naturali e un cambiamento delle proprie abitudini di consumo sono un primo passo verso la riduzione degli sprechi e la promozione di uno sviluppo sostenibile. Adottando alcuni semplici accorgimenti, ognuno di noi può contribuire al risparmio energetico: scopriamo insieme come.

Pubblicato il21 Apr
immagine articolo

Perchè conviene scegliere una pompa di calore elettrica nel 2022

In questi ultimi anni, gli impianti a pompa di calore hanno sostituito sempre più i vecchi sistemi di riscaldamento e raffrescamento, grazie anche ai numerosi incentivi fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici. Infatti, la pompa di calore può essere utilizzata in qualsiasi applicazione e tipologia abitativa; anche nei condomini, in cui può fungere da fonte di riscaldamento centralizzato con distribuzione del calore nei vari appartamenti.

Pubblicato il13 Apr
immagine articolo

SEIYA: Sperimenta il suono del silenzio

SEIYA è la nuova unità residenziale a parete di Toshiba, dal design moderno, progettata per offrire elevate prestazioni e massimo comfort quotidiano. È disponibile in 7 taglie da 1,5 a 6,5 kW (in raffrescamento) e da 2,0 a 7,0 kW (in riscaldamento) ed è un sistema di climatizzazione ad alta efficienza: scopriamo insieme le sue caratteristiche.

Pubblicato il16 Mar

Iscriviti al primo corso online dedicato ai professionisti della climatizzazione.
Ti avviseremo appena il corso sarà pubblicato.